La Goccia Briantea

Home Rogeno I COSTI DELLA POLITICA DIVIDONO IL CONSIGLIO COMUNALE DI ROGENO
I COSTI DELLA POLITICA DIVIDONO IL CONSIGLIO COMUNALE DI ROGENO PDF Stampa E-mail
Mercoledì 12 Novembre 2014 14:57

Quello dei costi della politica è un tema molto sentito dai cittadini ma, a torto od a ragione, spesso si ritiene che “a costare” siano soprattutto i parlamentari, i politici regionali od i burocrati delle pubbliche amministrazioni sia per i loro stipendi, sia per la possibilità che si sono attribuita di farsi rimborsare qualsiasi tipo di spesa, sia per i loro vitalizi che la riforma Fornero non ha nemmeno sfiorato. Tutta gente insomma che sacrifici li impone agli altri ma che non sa nemmeno cosa voglia dire la parola sacrificio. Pochi però avrebbero pensato che questo tema avrebbe investito anche l’amministrazione comunale di un piccolo paese come Rogeno dove il Sindaco guadagna 2.049,82€ lordi al mese, un Assessore 307,47€ ed un Consigliere Comunale 9,97€ lordi a seduta. Il pretesto per la discussione è invece nato da un’interpellanza, presentata dal gruppo di minoranza “Insieme per tutti” il 2 ottobre e discussa nel Consiglio Comunale del 31 ottobre. Il gruppo di minoranza, dopo aver premesso che “l’attuale quadro macroeconomico  caratterizzato da una profonda crisi finanziaria ha indotto il governo nazionale ad adottare drastiche misure volte alla razionalizzazione al contenimento della spesa ed alla riduzione dei costi degli apparati istituzionali che hanno richiesto un notevole sacrificio al cittadino.  Che analogo sacrificio deve essere richiesto “in primis” a tutti i titolari di cariche elettive (sindaco, assessori, consiglieri comunali)” ha chiesto “l’orientamento del Sindaco e della giunta comunale per una riduzione delle indennità spettanti al Sindaco, al vicesindaco ed agli assessori.” Ha risposto all’interpellanza l’assessore al bilancio Ambrogio Ratti. L’assessore, dopo aver ricordato che la materia è strettamente disciplinata dalla legge e che, recentemente,  sono stati ridotti del 42% i gettoni di presenza dei consiglieri comunali e del 10% le indennità al Sindaco ed agli assessori, ha ribadito che spetta unicamente a ciascun consigliere, assessore o sindaco rinunciare al proprio compenso essendo questo un diritto inalienabile che non può essere cancellato da un voto “a maggioranza” del Consiglio o della Giunta Comunale. Ha poi ricordato che gli attuali Amministratori di Rogeno, pur avendone diritto, per non pesare sulle casse comunali, hanno già rinunciato ad ogni tipo di rimborso loro spettante per viaggi e trasferte, a volte in luoghi anche lontani come Lecco, Milano, Triuggio, Curtatone per partecipare a riunioni inerenti all’espletamento del proprio mandato. “Io stesso” ha ricordato Ambrogio Ratti “ho diritto ad essere rimborsato delle spese che sostengo per venire qui dalla mia residenza (Esino Lario dista da Rogeno 59 Km) ma sono 65 mesi che vi rinuncio e lascio a voi calcolare quanto ho fatto risparmiare al Comune di Rogeno; in passato non è sempre stato così ed un Assessore della precedente Amministrazione è stato LEGITTIMAMENTE rimborsato dal Comune di Rogeno, delle spese sostenute per venire dalla sua residenza al comune, e veniva 3,4 e, qualche volta, 5 volte al giorno”. L’assessore Ratti ha poi invitato gli Amministratori di Rogeno, se ritengono di voler rinunciare ai loro compensi ad inviare “personalmente e singolarmente” una lettera in cui espressamente rinunciano a quanto loro dovuto per legge dal Comune. M.R.

 

In Calendario

Luglio 2019
D L M M G V S
30 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3

Lago di Pusiano, ristoranti, hotel, B&B, informazioni turistiche

Il portale del Lago di Pusiano:
Informazioni turistiche, ristoranti, hotel, bed and breakfast, arte, cultura, sport, natura, eventi ... e molto altro ancora